entrecote ai ferri

Cucinare l'entrecote ai ferri: i nostri consigli

L'entrecote è un taglio di carne pregiato, ottenuto dalla parte centrale della costata di manzo. Quando cucinata ai ferri, diventa un piatto delizioso e irresistibile.

Qui ti daremo alcuni consigli per cucinare l'entrecote ai ferri al meglio. In particolare, forniremo informazioni su come scegliere la carne di alta qualità e come prepararla per ottenere un risultato perfetto.

Se sei un appassionato di carne e vuoi scoprire i nostri segreti, continua a leggere.

La carne di Fassona: parti da una carne di qualità

La carne di Fassona è una delle più pregiati del mondo, ottenuta da una razza bovina particolare allevata in Piemonte. La Fassona è nota per la sua carne di alta qualità, con un basso contenuto di grassi e colesterolo.

Per cucinare un’entrecote ai ferri da leccarsi i baffi, è fondamentale scegliere una carne di alta qualità come quella di Fassona.

Come preparare l'entrecote

Prima di cuocere l'entrecote ai ferri, è importante preparare la carne in modo adeguato. È necessario tagliare la carne a uno spessore di circa 2 cm e lasciarla a temperatura ambiente per circa un'ora.

In questo modo si evitano sbalzi di temperatura troppo violenti che potrebbero rendere la carne dura.

Successivamente, si può condire la carne con sale e pepe nero macinato, oppure utilizzare un mix di spezie a piacere.

La cottura dell'entrecote ai ferri

La cottura dell'entrecote ai ferri è il momento fondamentale per ottenere un risultato perfetto.

È consigliabile cuocere la carne a fuoco alto per circa 3-4 minuti per lato per ottenere una cottura al sangue. Se si preferisce una cottura media, si può cuocere la carne per 5-6 minuti per lato. È importante evitare di cuocere troppo la carne, altrimenti rischia di diventare dura e stopposa.

Anche se cucinare l'entrecote ai ferri richiede un po' di esperienza e tecnica, con i nostri consigli potrai ottenere un risultato perfetto. Se sei alla ricerca di carne di alta qualità, contatta oggi stesso D&D Carne di Razza Piemontese per scoprire la nostra selezione di carne di Fassona.

 


come caramellare al carne

Come caramellare la carne

La carne di Fassona è una prelibatezza che richiede attenzione e cura nella sua preparazione, per ottenere il massimo in termini di gusto e qualità.

Tra le tecniche di cottura più apprezzate e utilizzate per valorizzare questo prodotto, c'è sicuramente la caramellatura, una tecnica che permette di ottenere una crosticina dorata e croccante sulla superficie della carne, per un risultato esteticamente accattivante e dal sapore intenso.

Noi di D&D vogliamo darti qualche consiglio: in questo articolo scopriremo come caramellare la carne di Fassona, approfondendo anche le tecniche per fare la crosticina e il processo della reazione di Maillard, fondamentale per una cottura perfetta.

A cosa serve la reazione di Maillard

La reazione di Maillard è un processo chimico che avviene quando si cucina la carne ad alta temperatura, e che permette di ottenere quel caratteristico colore dorato e il sapore intenso tipico della carne caramellata.

Ma come avviene questo processo? Durante questo processo, gli zuccheri e le proteine presenti nella carne si combinano, formando nuovi composti aromatici e conferendo alla carne un sapore e un aroma unici. Questo processo è anche responsabile della formazione della crosticina sulla superficie della carne, che rende la carne caramellata così appetitosa e croccante.

Se vuoi saperne di più sulla reazione di Maillard leggi qui.

Come fare la crosticina alla carne: alcuni consigli

Per fare la crosticina alla carne è necessario prima di tutto asciugare bene la carne con della carta assorbente, per rimuovere l'umidità superficiale che potrebbe impedire la formazione della crosticina.

Una volta asciugata, si può procedere con la cottura a fuoco alto, utilizzando una padella antiaderente o una griglia ben calda. Durante la cottura, è importante non girare troppo spesso la carne, ma lasciarla cuocere per alcuni minuti da un lato prima di girarla. In questo modo, si permette alla crosticina di formarsi in modo uniforme.

Se si vuole ottenere una crosticina ancora più croccante, si può aggiungere un po' di zucchero o miele sulla superficie della carne durante la cottura, che aiuteranno a caramellare la crosticina e a renderla ancora più gustosa.

Come si fa a rosolare la carne

Rosolare la carne è un altro metodo per far formare la tipica crosticina.

In questo caso è importante utilizzare una padella antiaderente ben calda e aggiungere un filo d'olio extravergine di oliva. Una volta che la padella è calda, si può adagiare la carne e farla cuocere a fuoco alto per alcuni minuti da entrambi i lati, finché non si forma una leggera crosticina dorata sulla superficie.

Una volta cotta, è importante lasciar riposare la carne per alcuni minuti, coprendola con un foglio di alluminio, per consentire al succo di distribuirsi uniformemente e rendere la carne più morbida e saporita.

Se sei alla ricerca di tagli di carne di Fassona di alta qualità scopri la nostra azienda e in che modo lavoriamo questa tipologia di carne pregiata.


filetto di manzo

Il filetto di manzo: tutto quello che c'è da sapere su questo taglio pregiato

Se sei un appassionato di carne, probabilmente conosci già il filetto di manzo, uno dei tagli più pregiati e apprezzati della gastronomia italiana. Ma cosa rende così speciale questo taglio?

In questo articolo, con gli esperti di D&D Carne di razza piemontese scoprirai tutto quello che c'è da sapere sul filetto di manzo, dalla sua origine alla sua preparazione in cucina.

Origine del filetto di manzo

Il filetto di manzo è un taglio pregiato ottenuto dalla parte posteriore del bovino, situato nella zona lombare. È caratterizzato dalla sua morbidezza e dal sapore delicato, grazie alla bassa percentuale di grassi.

La carne di fassona piemontese è particolarmente indicata per questo taglio, grazie alla sua eccellente qualità.

Preparazione e cottura del filetto di manzo

Il filetto di manzo è un taglio pregiato, ma anche delicato, per questo la sua preparazione richiede attenzione e cura. Prima di tutto, è importante scegliere un filetto fresco e di alta qualità, preferibilmente proveniente da allevamenti locali. D&D si rifornisce da piccole medie aziende agricole situate nelle province tra Cuneo e Torino, zona in cui si alleva la Fassona.

Inoltre, è consigliabile non marinare il filetto, ma bensì condire leggermente la carne con sale e pepe. Per la cottura, si consiglia di utilizzare una padella antiaderente e far cuocere il filetto a fuoco medio-alto, girandolo di tanto in tanto, fino a quando la sua temperatura interna raggiunge i 55-60 gradi per una cottura al sangue, o i 60-65 gradi per una cottura media.

Se vuoi assaporare il gusto unico del filetto di manzo di Fassona piemontese, ti invitiamo a scoprire la nostra selezione di carne di alta qualità sul nostro sito web. Potrai gustare o fornire ai tuoi clienti il meglio della tradizione culinaria italiana comodamente a casa tua.

Scopri la nostra selezione di carne di Fassona piemontese e ordina ora.


Fassona piemontese

La Fassona, una razza di qualità per la produzione di carne di alta qualità

La Fassona è una razza bovina che ha una grande importanza nella produzione di carne di alta qualità. Questa razza è stata selezionata nel corso dei secoli per la sua capacità di produrre carne di alta qualità, che viene apprezzata in tutto il mondo per il suo sapore, la tenerezza e la consistenza.

In questo articolo, parleremo delle caratteristiche della Fassona e del motivo per cui questa razza è così importante per la produzione di carne di alta qualità.

Origine della Fassona

La Fassona è una razza bovina originaria del Piemonte, in Italia. Questa razza è stata selezionata per la sua capacità di produrre carne di alta qualità fin dal XVIII secolo. Oggi, la Fassona viene allevata in tutto il mondo, ma la maggior parte della produzione di carne di Fassona continua ad essere concentrata in Italia.

Caratteristiche della Fassona

La Fassona è una razza bovina di media taglia, che si distingue per la sua grande muscolatura e per la sua pelle delicata. La carne di Fassona è famosa per il suo sapore, che è dovuto alla presenza di grasso intramuscolare. Questo grasso dona alla carne una consistenza morbida e succosa, che la rende perfetta per molti piatti della cucina italiana, come il tartare di carne.

Allevamento della Fassona

La Fassona è una razza bovina che richiede cure particolari per garantire una produzione di carne di alta qualità. Gli allevatori di Fassona devono assicurarsi che gli animali vengano nutriti con una dieta equilibrata, che includa una quantità adeguata di proteine e grassi. Inoltre, gli allevatori devono monitorare attentamente lo stato di salute degli animali, per evitare problemi di malattie o infezioni.

Carne di Fassona e la cucina italiana

La carne di Fassona è un ingrediente essenziale della cucina italiana, che viene utilizzata in molti piatti regionali e nazionali, come il bollito misto, il brasato e il filetto alla griglia. La carne di Fassona è particolarmente apprezzata per il suo sapore, la sua tenerezza e la sua consistenza morbida. Questa carne si presta a molte preparazioni culinarie, e può essere servita in molti modi diversi, a seconda dei gusti.

Se sei alla ricerca di carne di alta qualità per le tue ricette, la Fassona può essere la scelta giusta per te. Contattaci oggi per scoprire come possiamo fornirti carne di Fassona di prima qualità, proveniente dagli allevamenti più rinomati del Piemonte. Siamo pronti a soddisfare le tue esigenze culinarie con i migliori tagli di carne di Fassona.

 


fornitura carni per macelleria

Fornitura carni all'ingrosso: carne di qualità per la tua macelleria

La fornitura di carni di alta qualità è fondamentale per garantire il successo di una macelleria. La scelta del fornitore giusto può fare la differenza tra una macelleria di successo e una che fatica a decollare. Ecco perché è importante scegliere un fornitore affidabile e che offra prodotti di qualità.

D&D di Davide Taricco è la scelta: la nostra azienda è giunta alla seconda generazione e proseguiremo l’attività di famiglia con passione, per offrire la migliore qualità in fatto a carne.

Carne di qualità, proveniente dalla regione Piemonte

La nostra azienda si specializza nella produzione e lavorazione di carne piemontese, di razza Fassona, riconosciuta per la sua qualità e gusto unico. La nostra carne proviene da allevamenti locali che seguono rigidi standard di qualità e sostenibilità.

Inoltre, utilizziamo tecniche di lavorazione artigianali che esaltano il gusto e la tendenza della carne.

Una vasta gamma di prodotti a tua disposizione

La nostra azienda offre una vasta gamma di tagli, da quelli di prima scelta fino a quelli meno nobili ma ugualmente gustosi. Tutti i nostri prodotti sono freschi e pronti per essere venduti nella tua macelleria.

Forniamo tagli anatomici in varie pezzature provenienti da lavorazioni di sezionamento.

Inoltre, offriamo anche un servizio di confezionamento personalizzato per soddisfare le tue esigenze specifiche. Il confezionamento sottovuoto dei quarti è il metodo di confezionamento più sicuro per conservare tutte le qualità organolettiche del prodotto.

Prezzi competitivi e servizio personalizzato

Oltre a prodotti di qualità, offriamo anche prezzi competitivi per soddisfare le tue esigenze economiche. Inoltre, il nostro team di professionisti è sempre disponibile per offrirti un servizio personalizzato e rispondere a qualsiasi domanda o richiesta.

Se stai cercando un fornitore affidabile di carne di qualità, non esitare a contattare D&D Carne di Razza Piemontese. Siamo pronti a offrirti i prodotti migliori e il servizio più efficiente per garantire il successo della tua macelleria.

Contattaci oggi per maggiori informazioni! La tua soddisfazione è la nostra priorità. Siamo pronti a offrirti la migliore carne di razza piemontese.


carne di fassona

Il gusto unico della carne di Fassona: scopri perché è così speciale

La carne di Fassona è considerata una delle migliori al mondo per la sua morbidezza e il suo sapore unico. Ma cosa rende questa carne così speciale e richiestissima? In questo articolo scopriremo i segreti della carne di Fassona trattata da “D&D Care di Fassona Piemontese” e perché merita un posto d'onore sulle nostre tavole.

Fattori che influenzano il gusto della carne di Fassona

Alimentazione del bestiame

L'alimentazione del bestiame è uno dei fattori più importanti che influiscono sul gusto della carne. I bovini trattati dalla nostra azienda vengono allevati con metodi tradizionali e alla base dell’alimentazione vi sono fieno, mais, orzo, soia e sali minerali, alimenti naturali che contribuiscono a creare un sapore unico e una consistenza morbida.

Questa alimentazione naturale riduce anche la quantità di grassi saturi nella carne, rendendola più salutare rispetto ad altri tipi di carne.

Razza del bestiame

La razza del bestiame è un altro fattore importante che influisce sul gusto della carne. La Fassona è una razza autoctona italiana che viene allevata esclusivamente in Piemonte. I nostri capi provengono da piccole medie azienda agricole collocate proprio tra Cuneo e Torino.

Questa razza è nota per la sua capacità di adattarsi alle condizioni climatiche e alimentari della regione, rendendo la carne unica nel suo gusto.

Tecniche di allevamento

Le tecniche di allevamento giocano un ruolo importante nella qualità della carne di Fassona. Gli allevatori seguono rigorosi standard di qualità e sostenibilità, garantendo che i loro animali vengano trattati con rispetto e che la loro salute e il benessere siano sempre al primo posto. Queste tecniche di allevamento contribuiscono a creare una carne di alta qualità, morbida e gustosa.

D&D è fornitore di carne razza Piemontese

La carne di Fassona è un prodotto unico e pregiato, grazie alla combinazione di fattori quali alimentazione del bestiame, razza del bestiame e tecniche di allevamento di alta qualità. Questa carne merita un posto d'onore sulle nostre tavole per il suo gusto unico e la sua consistenza morbida. Se sei alla ricerca di un'esperienza gastronomica unica, prova la carne di Fassona!

D&D è fornitrice di diversi tagli di carne per ristoranti, supermercati, macellai e grossisti. 

Assaggia la differenza e scopri perché la carne di Fassona è così richiesta e apprezzata. Inoltre, se hai domande o vuoi saperne di più sulla qualità dei nostri prodotti, non esitare a contattarci.

 


consumare carne rossa di qualità

Consigli per consumare carne rossa di qualità: dalla scelta del taglio fino alle tecniche di cottura

Cosa dobbiamo considerare se vogliamo consumare carne rossa di qualità? Vediamolo nel dettaglio.

Carne rossa di qualità: l’importanza della scelta del taglio

Per consumare carne rossa di qualità dobbiamo fare attenzione a tutta una serie di fattori. Come prima cosa, dobbiamo considerare il taglio di carne.

Scegliere il giusto taglio di carne è molto importante, ma su cosa orientare la scelta? Come taglio di carne si intende la parte di animale sezionata durante la macellazione: ogni taglio ha le proprie caratteristiche, nonché consistenze e sapori differenti, anche a seconda della parte dell'animale da cui viene, dall’età dell’esemplare e dal sesso.

I tagli bovini di prima scelta sono i seguenti: filetto, controfiletto, costata, scamone e noce. Il primo è chiamato anche Fiorentina ed è tenero e saporito: è attaccato, inoltre, ad un altro taglio pregiato che è, appunto, il controfiletto. La costata è la parte superiore della lombata, mentre lo scamone, molto tenero e saporito, ha un basso contenuto di grassi ed è il taglio che unisce l’anca alla lombata. Infine, la noce: il taglio che si trova all’inizio dell’anca, costituito prevalentemente da muscolo.

Carne rossa di qualità: come cucinarla

A seconda del taglio di carne scelto, abbiamo un’ampia possibilità in cucina. Scegliere il giusto metodo di cottura è molto importante se vogliamo mangiare una carne gustosa e succosa.

Tra i migliori metodi utilizzati dagli chef ricordiamo l’uso del batticarne per rompere le fibre di collagene e rendere la carne più morbida.

Per ciò che concerne il metodo di cottura, si può optare per una cottura lenta a bassa temperatura, ma molto dipende dal taglio di carne che abbiamo a disposizione. Chi ama la carne al sangue può scegliere questo metodo di cottura, per assicurarsi che rimanga molto morbida.

Hai bisogno di ulteriori informazioni su come scegliere la carne più pregiata? Contatta D&D. Acquistiamo esemplari di fassona provenienti da piccole e medie aziende agricole, site esclusivamente in Piemonte, più precisamente tra le province di Torino e di Cuneo. Per noi la qualità della materia prima è davvero al primo posto. 

Serviamo la ristorazione di alta gamma, grossisti, macellerie e supermercati indipendenti.


carne succosa

Come rendere la carne più succosa

Gli amanti della carne sanno bene quanto la fase di cottura sia fondamentale e che quanto più la carne è succosa tanto più risulta morbida al palato. Ma come possiamo raggiungere questo risultato? Vediamolo grazie agli esperti di D&D.

Carne: come renderla più succosa

Per poter avere una carne succosa dopo al cottura, come prima cosa, dobbiamo fare attenzione al tipo di carne che scegliamo. Avere a che fare con prodotti di qualità è senza dubbio il primo passo da compiere se vogliamo mangiare un buon piatto di carne. 

Altra cosa da considerare è la cottura. La carne, infatti, in cottura tende a rilasciare i propri succhi. L’effetto è dato dalla presenza di collagene, una proteina che fa parte del tessuto connettivo la quale grazie alla presenza di calore tende a restringersi e fa espellere la sua frazione liquida.

Ne deriva, in pratica, che più si cuoce il taglio di carne, più il collagene si restringe e la carne diventa più asciutta. Se si procede troppo con la cottura della carne sappiamo bene come questa possa diventare stopposa.

Cuocendo la carne al sangue il problema non sussiste, ma è pur vero che questo tipo di cottura non incontra il gusto di tutti: come comportarsi, quindi?

Come cuocere la carne per renderla succosa?

Come possiamo, quindi, cuocere la carne per renderla succosa se non amiamo particolarmente la sua versione al sangue? Un buon metodo, spesso usato dagli chef, è quello di pungere la carne con dei lunghi aghi prima della cottura. In tal modo, si vanno a spezzare le fibre di collagene che, contraendosi poco in cottura, andranno a rilasciare poco i succhi. 

Per rompere le fibre della carne, molti utilizzano il batticarne: si tratta di un metodo molto utile per rendere la carne molto più morbida in cottura e, di conseguenza, più succosa.

Esistono comunque molti trucchi, come ad esempio quello di cospargere la carne di sale grosso prima di cuocerla, oppure di effettuare una marinatura a base di aceto o limone.

Il primo passo è scegliere carne di qualità: C&C può fornirti carne di Fassona Piemontese 100% italiana. Contattaci qui 


grasso della carne

Il grasso della carne perché è così importante?

Spesso ingiustamente demonizzato, il grasso della carne è molto importante e determina la qualità stessa della carne. Vediamone le motivazioni.

Grasso della carne: perché è importante?

Generalmente, il grasso visibile della carne viene spesso tolto, poiché considerato non benefico per la nostra salute. Quello che si forma ben visibile con onde sottili e diffuse sulla fetta di carne, però, è molto importante e non deve mai essere tolto.

Quando la carne si presenta in questo modo si parla, nel linguaggio tecnico, di “marezzatura”, che apporta così l’aspetto marmoreo alla carne e una grande morbidezza. Si stima, infatti, che le carni marezzate siano anche quelle più costose e più pregiate, differentemente da ciò che si pensa.

Il grasso è, quindi, molto importante anche per poter valutare la qualità del prodotto: la sua presenza è indice di grandissima qualità della carne, poiché è un rilevatore della salute e dello stato di nutrizione dell’animale stesso.

Come si presenta il grasso della carne

Generalmente, il grasso della carne si presenta in un colore bianco o, al massimo, giallo chiaro. Se la colorazione è un po’ più accentuata, questo può dipendere dal tipo di alimentazione dell’animale o dalla sua età. È possibile, infatti, che un giallo più carico dipenda dalla presenza di un esemplare più vecchio.

I tagli di carne che presentano il grasso visibile sono perfetti per le ricette che prevedono una cottura un po’ più lunga: pensiamo, ad esempio, ai brasati o ai bolliti.

Fino a qualche tempo fa, i grassi saturi erano demonizzati. Recenti studi, invece, hanno dimostrato come essi siano ricchi di vitamine liposolubili, antiossidanti e acidi grassi essenziali, nonché composti organici molto importanti per il nostro organismo.

Se l’organismo viene privato dei grassi, entrerà in una condizione di allarme e tenderà a produrli da solo, danneggiando il metabolismo. Ecco una delle motivazioni per cui i grassi, anche quelli della carne, sono così importanti. Cuocere una carne con il grasso, anziché eliminarlo prima della cottura, conferirà inoltre più morbidezza e più sapidità al piatto stesso.

Vuoi saperne di più? Contatta D&D. Ci rivolgiamo alla ristorazione di alta gamma, grossisti, macellerie e supermercati indipendenti, fornendo solo carne Italiana 100% di Fassona Piemontese. 


bistecca di fassona

Come cucinare al meglio la bistecca di Fassona

Come va cucinata la bistecca di Fassona per esaltarne il sapore? Ecco alcuni consigli.

Bistecca di Fassona: che cos’è

Considerato uno dei tagli di carne più pregiati del bovino, la bistecca di Fassona è davvero molto saporita.

La fetta si ricava, generalmente, dalla lombata nello spazio compreso tra le due coste. La costata, nel suo lato lungo, si presenta con l’osso. Il taglio da cui deriva, senza osso, viene anche chiamato con il nome di “sottofiletto” o “entrecote”.

In sostanza, non è altro che la classica “bistecca con il manico”, come si è soliti chiamarla in alcune parti d’Italia: una fetta di carne piuttosto spessa che è unita al processo spinoso vertebrale.

Si tratta di un’alternativa alla classica fiorentina che, invece, si ottiene tagliando la lombata nel tratto posteriore, dove il sottofiletto è attaccato al filetto. Rispetto ad una fiorentina, la bistecca d Fassona è più piccola e meno costosa.

Bistecca di fassona: come cucinarla

Vediamo, adesso, come cucinare la bistecca di fassona. Differentemente dalla fiorentina, che in genere viene cotta alla brace, la bistecca di fassona si cuoce su una piastra o una bistecchiera in ghisa oppure in ferro, nella migliore tradizione piemontese.

Cuocendola su piastra o su bistecchiera, si formerà infatti la famosa crosticina croccante esterna. Oltre ad essere gustosa, la crosticina sottile serve a sigillare al meglio tutti i succhi della carne al suo interno: si otterrà così un pezzo di carne morbido dentro e croccante fuori. Si consiglia, inoltre, di tagliarla spesso almeno 2 cm.

Già in questo modo, condita poi con olio, sale e pepe, la bistecca di fassona è particolarmente prelibata. Se vogliamo ottenere un risultato ancora più gustoso, possiamo pensare di profumare la carne con qualche aroma. Possiamo, ad esempio, tritare un po’ di salvia e un po’ di rosmarino e far insaporire la carne con questo trito, con aggiunta anche di sale e pepe.

Andiamo a cospargere la fetta di carne con questo trito aromatico su entrambi i lati, per poi andarla ad adagiare sulla piastra o bistecchiera, cuocendo circa 7 minuti per lato. Serviamo, poi, con un po’ di olio extravergine d’oliva a crudo.

Vuoi ulteriori informazioni circa questo taglio di carne? Contatta D&D, specialisti in carne di Fassona rigorosamente Piemontese.